Davide, Golia e il marketing

Davide sconfisse Golia con un metodo. Il re guerriero conosceva il suo avversario, la sua forza e le sue debolezze. L’esperienza in tante battaglie gli suggerì di non essere avventato, di domare la rabbia e l’orgoglio e di sfruttare la sicurezza dell’avversario a suo vantaggio. Si fece raccontare dagli uomini dell’esercito israelita le numerose e vittoriose sfide di Golia. Rifiutò l’armatura perché lo rendeva pesante. Sapeva che doveva puntare sulla sua agilità rispetto al gigante, e sapeva che doveva evitare un corpo a corpo ed esser lontano dalla portata della spada del suo avversario e non si irretì quando Golia, vedendolo come un ragazzino, lo derise. Sappiamo come è finita. Tramortito da una pietra scagliata dalla fionda di Davide, Golia si ritrovò la testa mozzata dalla sua stessa spada.

Metodo e pianificazione. La mitologia, la storia, le guerre sono piene di questi esempi. Non è un caso che gran parte dei termini di marketing si ispirino alle guerre (strategie, mezzi, obiettivi, bersagli, tattiche, guerrilla, mezzi non convenzionali).

Il discorso non cambia neanche nell’economia liquida del digitale. Gli scenari evolvono e i campi di battaglia si fanno tremendamente più complicati ma le considerazioni rimangono sempre quelle.

Strategia, pianificazione, metodo.

Ritornando al nostro piccolo mondo questo vuol dire che:

Pianificare significa analizzare, sempre, tanto.

Non esiste perfezione, senza esasperazione. Il lancio di un nuovo prodotto deve sempre prevedere un piano B.

Non esiste identità visiva senza un buon logotipo.

Non esiste un brand senza architettura di marca.

Non esiste pubblicità senza pianificazione.

Il marketing esperienziale prevede dinamiche psicosociali spesso complesse da tenere in considerazione.

Non dire Facebook se non conosci i social media.

La guerrilla low cost non è sempre così low.

Non dire disruption se non hai conosciuto prima il marketing convenzionale.

Quante battaglie bisogna aver fatto, quanti nemici hai dovuto lasciar sul campo, quanti fallimenti e quante vittorie, quanta saggezza e conoscenza devi accumulare prima di andare in guerra.

Allora impara a camminare prima di correre, impara a tirar di fionda prima di sguainare una spada. Non importa quanto cruenta possa essere la battaglia. Per vincerla non potrai improvvisare. Verresti ucciso prima. Allora… impara un metodo.