Il branded content marketing. Cenni.

A cosa serve il Branded Content Marketing? Nessuna strategia può dirsi vincente se, pur avendo successo nel breve termine, causa un impoverimento di alcuni valori quali l’immagine della marca e la reputazione aziendale.

“The only advertising or marketing messages that affect relationship or bring about a change in attitude or behavior will be those that actually add value to the life of the business customer of the consumer. Entartainment adds such value if it really entertains. Information adds such value if it really is genuine useful. But what we see most of the rime is content that adds no value to anyone’s life except for the ego of the marketer. Too often, it is the case of marketers talking to themselves, not to their customer” (cit. Cheyfitz)

E’ elevato il rischio che il pubblico rimanga deluso nelle sue aspettative una volta attratto da un’avvicente iniziativa di entertainment. Delusione che sarà tanto più elevata quanto più è elevato il livello di reputazione aziendale da mettere in gioco.

“The more a brand has to gain from its reputation, the more it also has to lose. A high reputation not only means that consumers like what they have seen of the brand in the past, but also that they expect that they will like what they see in the future. The notion of expectations is higly interesting in assessing the value of non-traditional media marketing, as it per definition employs unconventional means that may be perceived as inappropriate” (cit. Dahlén-Granlund-Grenros).

La conoscenza del comportamento dei consumatori insieme alla conosenza dei mezzi, dei nuovi linguaggi, una puntuale pianificazione possono aiutare ma non è sufficiente. Le aziende devono pensare in una maniera più evoluta e spingersi oltre, dove ancora non sono arrivate. Il branded content marketing può aiutarle in tal senso. (sull’argomento cfr. R.P. Nelli)